mercoledì, giugno 28, 2006

PESSOTTO SORRIDIAMO INSIEME


Sono sempre stato juventino, mi ricordo la juve di Cuccureddu, Gentile, Furino per averla vista allo stadio Comunale.
Negli ultimi anni per me Pessotto è sempre stato colui a cui guardare con vera ammirazione, campione senza esserlo veramente. Un po' come Ravanelli, ma Pessotto ha in più la cultura dalla sua parte, oltre alla dedizione.
Ricordo le parole intelligenti dette alle inteviste TV, come nessuno avrebbe potuto al suo posto.
Ricordo che quando sbagliavi un cross (e ne hai sbagliati parecchi), tutti noi della curva ti perdonavamo, nessun insulto, cose che succedono solo ai veri campioni.
Pessotto tu sei lo stile Juve, Pessotto tu sei uno dei pochi rimasti.
La Juve cade molto in basso, ma tu sei una delle poche speranze che rimangono in mezzo a tutti 'sti Moggi, Giraudo, Agricola che in basso hanno portato la Juve.
Invece tu hai sempre cercato di portare la Juve e tutti noi più in alto, con impegno e fatica immensi.
Ti prego rialzati.
La Juve ha bisogno di te, ma soprattutto io ho bisogno di te.
Forza Gianluca.

lunedì, giugno 26, 2006

L'UNICO VERO PANCHINARO


Questi mondiali italiani sono una figata, si gioca tutti, anche i più scarsi.
In quasi tutte le squadre partecipanti a questi mondiali, ma anche nelle passate manifestazioni, in ogni squadra ci sono quei 4 o 5 giocatori che mai si sarebbero sognati di giocare. Sono giocatori che lo sanno che non giocheranno, se ne fanno una ragione subito dalla convocazione e solitamente sono contenti così.
Noi tifosi sapevamo che avrebbero fatto i turisti, come del resto loro stessi lo sapevano benissimo, e la maggior preoccupazione nostra era che entassero in campo in seguito all'infortunio di un giocatore titolare, infatti spesso andavano in panchina durante la partita con la macchina fotografica al collo.
Invece quest'anno Mr . Marcello Lippi (il ct dell'Italia), fa giocare tutti. E secondo me c'ha anche un bel culo. Entra Materazzi e segna, entra Inzaghi e segna, entra un certo Grosso e si procura un rigore dubbio al 94.mo. E così facendo, nemmeno fossimo una squadra dell'oratorio, giocando tutti si va avanti.
E Mr Lippi é ancora più furbo: mette all'inizio Totti in panchina e poi lo fa entrare a 20 minuti dalla fine: giusto in tempo per segnare il rigore.
Il probelma adesso è che uno solo dei convocati manca all'appello della partita vera:
ODDO: sempre in panchina per 4 partite, l'unico.
e allora FORZA ODDO!!!!!

DIRITTO PUBBLICO, DOVERE PRIVATO


Alla facoltà di Economia e Commercio c'era l'esame di Diritto Pubblico, obbligatorio, e ritenuto da quasi tutti il più facile del primo anno. Io pensai bene di lasciarlo da parte e lo provai verso il terzo anno. Uso il verbo "provare" un esame perchè adesso mi rendo conto che in effetti tutti gli esami li ho prima "provati" e poi studiati per bene, almeno la metà, dell'altra metà ho passato la prova al primo colpo, spesso per culo. Successe che mi si interrogò in una giornata, anzi in una sessione, in cui bocciavano la maggioranza degli studenti. Probabilmente perchè si erano stufati (i prof) di essere titolari di una materia che nessuno si fumava più di tanto. Dovevo "provarlo" il primo anno sto esame...
Alla fine dell'interrogazione mi proposero 18. Sarebbe stato il mio primo 18, 19 già l'avevo preso, ma 18 no. Cosa feci? Lo rifiutai... Ah L'orgoglio....
Allora studiai bene, almeno 2 mesi, ritentai l'esame e dopo l'orale mi proposero 20. "ma vaffanculo" pensai tra me e me, un vaffanculo rivolto più a me che al prof, in verità.
Presi il 20 perchè va bene farsi del male, ma senza esagerare.
Quindi io la costituzione non la voglio cambiare, ho il terrore che dopo il referendum mi telefoni la segreteria della Lega Nord per dirmi che, d'accordo con il dipartimento di diritto dell'Università, si è ritenuto che io debba risostenere il famigerato esame.
Quindi per me votare NO al Referendum è piuttosto un dovere e una necessità, prima che un atto di buon senso.

giovedì, giugno 22, 2006

L'UOMO CHE FUMA


Va bene che il fumo fa male, va bene che la tassa sulle sigarette è ben accetta da quasi tutti, però ieri sono nuovamente aumentate, le sigarette, e per me che sono come l'uomo che fuma (X Files) sono aumentate anche le tasse che verso all'erario.
Va bene qualsiasi cosa ma io da ieri pago più tasse, anche col precedente governo pagavo ogni semestre più tasse, soprattutto di iva, con i rincari che si sono avuti sui beni che compro quotidianamente, io di iva (che è una tassa, anzi è la tassa più iniqua, ma purtroppo molto efficiente) ho pagato sempre di più. Ma se continua così anche con questo governo non cambia nulla, pagherò sempre di più.
Di questo passo se mai incontrerò l'uomo che fuma, invece di chiedergli di svelarmi i misteri di X Files, gli scroccherò una sigaretta e sarò già felice.

venerdì, giugno 16, 2006

SINISTR' ORSO


A leggere La Repubblica, che negli ultimi giorni ho comprato all’edicola, perché mia moglie ha avuto l’influenza e così aveva qualcosa da leggere, (ciò non vuole essere un alibi) sembrerebbe che Berlusconi, sì proprio lui, sia in depressione profonda. Sembrerebbe che neanche il Prozac possa aiutarlo. Infatti il nostro Cavaliere per tirarsi su si è dato allo shopping più disinvolto, che nemmeno Sex & The City… Ecco cosa avrebbe intenzione di fare o ha già fatto (tra le altre cose): comprarsi un aeroplano che neanche Bush ha (figurarsi Prodi), riarredare la Sua residenza romana che neanche gli Uffizi, riaffrescare i soffitti che neanche la Cappella Sistina, eccetera.

Io che leggo potrei anche riderci su. Ma non rido affatto. Secondo me Berlusconi sta solo cercando qualcosa da fare per passare il tempo. Il poco tempo che serve perché ritorni sulla scena. Ma un bel ritorno da trionfatore, tipo Napoleone. O ancora meglio, come Lui sa fare.

L’altro giorno per provocazione ho detto ad alcuni miei amici che pur avendo votato a sinistra, dopo aver visto l’agire della sinistra comportarsi come se avesse vinto, quando in realtà ha pareggiato e si va ai supplementari, dopo aver visto un governo veramente mediocre, dopo aver sentito un’infinità di cazzate, dopo averne avuto le palle piene solo dopo 2 settimane……….. dopo tutto questo ho detto: “avrei preferito avesse vinto Berlusconi”. Sì l’ho detto. Poi ho subito ritrattato, ma adesso a mente fredda lo ripeto: piuttosto di assistere a una rappresentazione così bassa, preferisco vederla fatta da attori in cui non mi riconosco. Che tanto la rappresentazione sarebbe stata la stessa (una merda) ma almeno adesso non avrei la responsabilità morale-politica di averli votati.

Quindi occorrerebbe un grosso cambiamento a sinistra, che non si vede, allora si potrebbe andare all’estero, in effetti adesso sì, quando la sinistra si comporta così, allora sì che l’ultima speranza se ne è andata, e sarebbe ora di voltare l’angolo e vedere se ci sono altre strade.

Srade per me, non per la Sinistra, perchè mi sono realmente rotto le palle di aspettare una svolta che non è mai una svolta. Perchè mi sono rotto le palle di quelli che ascoltano il Vaticano, perchè mi sono rotto le palle di quelli che si dicono Comunisti.... Perchè mi sono rotto le palle di tutte queste parole e nessuno fa niente per cambiare le cose. Perchè la Destra, perchè la Padania, perchè la Finanziaria, perchè la Legge Elettorale, perchè mia Sorella...

Il solo perchè è che mi sono rotto le palle


SON PROBLEMI LE TV MONDIALI


Allora io l'abbonamento a Sky per i mondiali non l'ho fatto. Un po' me ne pento perchè anche le partite più insignificanti sono sempre delle partite dei mondiali, e spesso riservano piacevoli sorprese. Quindi guardo solo la partita della Rai alla sera, e delle volte nemmeno quella perchè sono stanco.

Però io dico: il bello dei mondiali era anche poter dire all'amico: "hai visto Togo - Perù ? noooh, c'era un difensore che per poco non faceva un autogol da 200 metri...." e cose del genere, il bello stava nelle cose strane, irripetibili. Adesso io posso fare anche l'abbonamento a Sky ma poi dovrei commentare con un amico che ha l'abbonamento, e poi quest'altro oltre a voler spendere quei soldi deve per forza poterle guardare il pomeriggio, le partite, se già lavora in ufficio come quasi tutti, come fa?

Però un po' di gusto lo si trova nel guardare CCTV5 con il commento in cinese, o la lingua che è, magari sovrapponendo il commento della Gialappa alla radio, ma qui si pone il problema che CCTV5 è in ritardo di 2 minuti, e allora quando c'è un gol tu lo sai 2 minuti prima di vederlo, può però anche essere utile, così ti giri verso la tele solo per le azioni importanti....

Comunque un altro problema si ripropone però. Io lavoro al PC e non posso tenere entrambi i programmi aperti, quello del lavoro e quello del calcio. E poi spiegare all'amico come fare a guardare sul pc la partita spesso è un'operazione impossibile, lui ti guarda come fossi un hacker uscito da "Matrix".

E' un casino, era meglio quando si andava a scuola.

mercoledì, giugno 07, 2006

PORNO E CATECHISMO


Sembrerebbe che la disitnzione più propria tra pornografia e eros sia la "mercificazione del corpo".
Anch'io penso che ogni tipo di sfruttamento, quindi anche del corpo altrui, sia immorale.
Uno sfruttamento rimane uno sfruttamento.
Cosa ne pensa il catechismo cattolico della pornografia? Vediamo:
Lede gravemente la dignità di coloro che vi si prestano (attori, commercianti, pubblico), poiché l'uno diventa per l'altro l'oggetto di un piacere rudimentale e di un illecito guadagno.

Quindi se non fosse un piacere rudimentale, ma magari un piacere bello sofisticato, né si trattasse di illecito guadagno, ma a ggratiss ......

Allora viva i siti porno amatoriali e gratis,
ma senza esagerare, si rischia la cecità.

martedì, giugno 06, 2006

ITALIANI BRAVA GENTE


Ma i soldati italiani muoiono quanto quelli inglesi.
Se si contano i morti tra i soldati dal maggio 2003 a oggi si trova che (+o-):
i morti italiani sono 1.07% del totale (32/3000)
i morti inglesi sono 1.03% del totale (82/8000)
Però gli inglesi sono in guerra, noi in missione di pace.
Forse ad alcuni iracheni la campagna mediatica italiana sulla missione di pace non ha sortito alcun effetto. E allora non sarebbe meglio spiegare ai nostri generali (i soldati senza stellette lo sanno già) che sono in guerra?
Ah già, è compito dei politici....

lunedì, giugno 05, 2006

FIGO, SONO SULLA FIGU


Porta Palazzo a Torino è una piazza e una zona circostante la piazza con una altissima densità di immigrati. Un genio ha avuto l'idea di fare un album con le figurine di foto di alcuni personaggi della zona.

Non solo più calciatori sulle figu,
era ora, soprattutto per gli juventini....
Fighissimo!